CAPENA: PINOCCHIO A CENTROSINISTRA? IL “MOVIMENTO CAPENA ANNO ZERO” TORNA SULLA QUESTIONE DELLA DATA DELLE (SFUMATE) ELEZIONI ANTICIPATE A CAPENA

E’ campeggiato per qualche giorno nella homepage del sito Internet del “Movimento Capena Anno Zero” ed è tuttora leggibile in corrispondenza della data 1° marzo 2012 nella sezione “ATTUALITA’ IN PRIMO PIANO” del medesimo sito Internet il decreto, datato 24 febbraio 2012, con il quale il Ministro dell’Interno ha fissato per il 6-7 maggio 2012 la data per lo svolgimento delle cosiddette “elezioni amministrative” previste per il 2012, cioè delle consultazioni per l’elezione diretta di Sindaci e di Consigli Comunali, nonché per l’elezione di Consigli circoscrizionali.
Nel post “COSA VOGLIAMO DA UN’AMMINISTRAZIONE FUNZIONANTE” datato 30 dicembre 2011 sulla homepage del sito del Partito Democratico di Capena (cioè del circolo territoriale di Capena del Partito Democratico) si legge che il Direttivo (del circolo territoriale) del Partito Democratico (PD) di Capena “considera assolutamente pericolosa e da evitare la prospettiva del commissariamento del Comune, che esporrebbe il nostro paese a quasi due anni di sostanziale abbandono“.
In realtà, alla fine di dicembre era ancora possibile, ove si fosse riusciti ad ottenere rapidamente le dimissioni del Sindaco, andare alle elezioni nella primavera di quest’anno, con un interregno commissariale ridotto al minimo. Non è esatto, perciò, prospettare alla fine di dicembre del 2011, come sembra si sia fatto, un’ineluttabile durata quasi biennale della gestione del Comune da parte di un Commissario Straordinario: all’epoca era ancora possibile andare alle elezioni dopo pochi mesi.
Quindi, non è affatto detto che il commissariamento duri un anno e più o quasi due anni: dipende, in concreto, da quando viene emesso il decreto che scioglie il Consiglio Comunale e dalla distanza che c’è tra la data di tale decreto e la prima tornata elettorale utile, che a fine dicembre era quella della primavera di quest’anno.
Si potrebbe ribattere che, anche senza il PD, i sostenitori dell’Amministrazione avevano ancora un voto in più, ma è chiara la grave responsabilità politica che si assume chi vada avanti con siffatta risicatissima maggioranza.
La questione della durata della gestione commissariale sembra aver giocato un ruolo piuttosto di rilievo nella prima fase della svolta storica del PD di Capena, quantomeno a livello di giustificazione pubblica, essendo fin da subito probabilmente presenti e operanti altre motivazioni, non del tutto esplicitate, negli attori della decisione; in un secondo momento, pare essere passata senz’altro in secondo piano, a favore di altre strategie argomentative.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: