CAPENA: ASPETTI PROBLEMATICI DELL’ECUMENISMO TORRICELLIANO – PARTE TERZA

Si dice giustamente, nel post datato 2 marzo 2012 sulla homepage del sito del Partito Democratico (PD) di Capena, che occorre andare oltre le ipocrisie, fare a meno delle ipocrisie, rinunciare alle ipocrisie, essere insomma “senza ipocrisie“, ovviamente per mobilitarsi eccetera.
Condivisibile: eliminiamo le ipocrisie, dunque.
In primo luogo, l’ipocrisia per la quale si ritiene (o si fa finta di ritenere) che eventuali aspetti discutibili dell’amministrazione di Capena tra il 1999 e il 2011 siano da imputarsi ad una parte soltanto della maggioranza che sosteneva il governo locale, ossia in definitiva ad una specifica parte politica. E gli altri? Dormivano? Non si sono mai accorti di niente? Erano succubi d’incubi?
In secondo luogo, l’ipocrisia per la quale si afferma (o si fa finta di credere) che la scelta di entrare in Giunta al posto dell’UDC che ne è uscito sia anzitutto frutto di una valutazione in primo luogo “tecnica” sulla durata dell’eventuale gestione commissariale del Comune.
In terzo luogo, l’ipocrisia per la quale si ritiene (o si fa finta di credere) che in poco meno di metà della legislatura sia possibile realizzare questo mondo e quell’altro.
In quarto luogo, l’ipocrisia per la quale non si dice (o si fa finta di non sapere) che l’innaturale connubio inaugurato a partire dal febbraio del corrente anno è destinato con ogni probabilità a riproporsi nelle prossime elezioni comunali, inaugurando così un nuovo “nodo di Salomone”.
In quinto luogo, l’ipocrisia per la quale non si ammette (o si fa finta di non comprendere) che il ringiovanimento del personale politico locale è un problema serio ed urgente e che è anomala una Giunta con un’età media di sessant’anni, mentre il Presidente degli Stati Uniti d’America Barack Hussein Obama ne ha cinquanta.
In sesto luogo, l’ipocrisia per la quale non si ammette (o si fa finta di non comprendere) che l’uguaglianza formale e sostanziale tra i cittadini è un problema sempre vivo e attuale a tutti i livelli e che il perseguimento dell’obiettivo di cui all’art. 3 Cost. dovrebbe portare ad attenzionare determinati problemi in ogni caso, senza riguardi allo status sociale della persona che si trova ad affrontarli.
In settimo luogo, l’ipocrisia per la quale non si ammette (o si fa finta di non comprendere) che al di là delle responsabilità “giuridiche” c’è una responsabilità politica e che compito di un’opposizione degna di questo nome è la denuncia di questa responsabilità, non l’affiancamento del responsabile con connessa indulgenza plenaria.
In ottavo luogo, l’ipocrisia per la quale non si ammette (o si fa finta di non capire) che non pochi di coloro che hanno votato per la lista civica di centrosinistra nel 2009 non avrebbero mai avallato e non avallerebbero mai il mutamento di collocazione politica con il sostegno ad un’Amministrazione sostenuta anche dal PDL.
In nono luogo, l’ipocrisia per la quale non si riconosce (o si fa finta di non comprendere) che il Sindaco non è una figura super partes, ma è anche, tra le altre cose, l’espressione di una maggioranza politica, e che i lati istituzionali della sua figura non ne possono cancellare la politicità.
In decimo luogo, l’ipocrisia per la quale si afferma (o si fa finta di credere) che l’Amministrazione Comunale nella sua nuova composizione parta da una sorta di tabula rasa frutto di una presunta paralisi amministrativa totale, laddove molti dei punti programmatici richiamati in un manifesto del PD locale sono, come dimostrato dai dati riportati in un manifesto del “Maestrale” (“TANA!!!IN RISPOSTA A UN MANIFESTO DEL PD”), oggetto di procedure già avviate e talora anche a buon punto.
Si potrebbe continuare ancora, ma la conclusione sarebbe, o meglio a questo punto è già, che per eliminare le ipocrisie occorrerebbe eliminare il PD di Capena e quindi a questo punto bisogna fermarsi.

3 Risposte to “CAPENA: ASPETTI PROBLEMATICI DELL’ECUMENISMO TORRICELLIANO – PARTE TERZA”

  1. boris Says:

    E’ normale che un uomo di destra come lei la veda così.

    • Sostiene Pereira Says:

      Titolo: “Aspetti problematici dell’ecumenismo di centro-sinistra”

      Svolgimento: “se fai delle critiche al PD sei invevitabilmente di destra”

      Conclusioni: “mai criticare le scelte ineccepibili della dirigenza del PD”

      Commento (sarcastico): “ma perché il PD è un partito di (centro)-sinistra??”

  2. boris Says:

    La bellezza delle cose esiste nella mente di chi le osserva.
    (David Hume)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: