CAPENA: ALCUNE OSSERVAZIONI SUL MANIFESTO PROGRAMMATICO DEL PARTITO DEMOCRATICO – PARTE TERZA: TRA BULIMIA E APPROPRIAZIONI INDEBITE?

Mentre in un primo momento sembrava che il programma per la prosecuzione della legislatura – l’accettazione del quale era prefigurata dal PD di Capena come condizione per il proprio ingresso in maggioranza al posto dell’UDC – dovesse limitarsi ad alcuni punti specifici, sia pure, ovviamente, qualificanti e significativi, si è poi scoperto, come già s’intuiva dalla genericità dei primi tre dei quattro punti programmatici esposti in un manifesto del PD intitolato “UNA NUOVA MAGGIORANZA” e sottotitolato “IL CORAGGIO DI GOVERNARE”, che tale programma, benché alla fine della legislatura manchi poco meno della metà del quinquennio della sua durata istituzionale, è onnicomprensivo, articolato, piuttosto ambizioso e “annette”, come si vedrà e com’è stato già evidenziato dall’opposizione, in particolare dal “Maestrale”, anche alcune parti già in fase di piuttosto avanzata realizzazione e che il PD, a quanto sembra, ritiene, tacendo il predetto non trascurabile particolare, più opportuno cercare di far passare come realizzazioni della “propria” Giunta.
Prendendo dunque in considerazione il manifesto del PD “UN NUOVO PATTO PER CAPENA E PER I SUOI CITTADINI” (pubblicato giovedì scorso 1° marzo alle 22.38 sulla bacheca della pagina Facebook “Capena: I Dimenticati”), consideriamo alcuni punti specifici.
Avvio della raccolta differenziata dei rifiuti: si è già svolta, con il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa, la procedura aperta per l’affidamento in appalto del servizio di raccolta, trasporto e conferimento dei rifiuti solidi urbani e assimilati, inclusa la differenziata “porta a porta”, nonché inclusi il servizio di spazzamento stradale e altri accessori, e ditta aggiudicataria, in forza di determinazione del competente Responsabile del Servizio n. 190 del 01.12.2011 Reg. Gen. 492, è risultata la Diodoro Ecologia S.r.l.
Opere pubbliche – strada di collegamento tra via del Mattatoio e la Provinciale: dopo un’interruzione dei lavori di realizzazione, per vicende che il cittadino che voglia informarsi può apprendere grazie ad un’interrogazione proposta congiuntamente dai Consiglieri Comunali Alessandro Ristich e Angela Montereali, prot. n. 10966 del 24 giugno 2011, pubblicata sui siti Internet dei rispettivi movimenti, vi è stata la ripresa dei lavori in data 25 gennaio 2012, come da comunicazione prot. n. 1496 (questa notizia si apprende da un prezioso schema riassuntivo sulle “ispirazioni” del programma PD – schema pubblicato giovedì scorso 1° marzo sulla bacheca della pagina Facebook “Capena: I Dimenticati”; rammentiamo che la nuova Giunta con due Assessori del PD ha esordito il 16 febbraio di quest’anno).
Opere pubbliche – messa in sicurezza della scuola Iolanda di Savoia: è stato già affidato incarico per l’elaborazione del progetto esecutivo dell’opera, come si ricava dalla nota prot. n. 19868 del 01.12.2011 richiamata nello schema pubblicato giovedì 1° marzo u.s. alle 22.30 sulla pagina Facebook “Capena: I Dimenticati”.
Opere pubbliche – restauro del Centro Storico: quanto a questo tema, che è all’ordine del giorno fin dai primi anni ’60 del secolo scorso con la demolizione delle case pericolanti o ritenute tali in località “La Cesata”, in data 15 febbraio 2012, quindi il giorno prima che s’insediasse la nuova Giunta, vi è stato l’affidamento dei lavori di recupero e di risanamento delle abitazioni del centro storico, come da relativo verbale di consegna, prot. n. 2591 (lo si ricava da quanto riportato nel già citato schema pubblicato giovedì ultimo scorso alle 22.30 sulla pagina Facebook “Capena: I Dimenticati”).
Opere pubbliche – ascensore al parcheggio centrale: la procedura per la realizzazione di quest’opera, che occorre per rendere più friendly per anziani e persone con problemi di deambulazione l’area del parcheggio e, sabato mattina, del mercato, è stata avviata con l’approvazione, con deliberazione di G.C. il 17 gennaio 2012, dello studio di fattibilità per la realizzazione di un ascensore che colleghi il piano dell’ex campo sportivo alla via soprastante (lo si ricava da quanto riportato nel già citato schema pubblicato giovedì ultimo scorso alle 22.30 sulla pagina Facebook “Capena: I Dimenticati”).
Opere pubbliche – nuovo arredo urbano con la realizzazione di un giardino centrale: è in corso la progettazione preliminare, come riportato nel già citato schema pubblicato giovedì ultimo scorso alle 22.30 sulla pagina Facebook “Capena: I Dimenticati”.
Opere pubbliche – ampliamento di area cimiteriale: è già da tempo in fase di elaborazione il progetto del piano regolatore cimiteriale, come riportato nel già citato schema pubblicato giovedì ultimo scorso alle 22.30 sulla pagina Facebook “Capena: I Dimenticati”.
Servizi – la Biblioteca: si tratta di un topos classico e ricorrente in ogni programma. In quello che fu presentato per le elezioni comunali del 1999 dalla lista civica di centrosinistra “Capena per tutti” (pag. 17) si leggeva del reperimento di “una sede più idonea e confacente” per la biblioteca comunale con “un settore per i più piccoli“; per le elezioni comunali del 2009 la lista civica di centrosinistra proponeva “potenziamento della Biblioteca Comunale anche con possibilità di espressioni multimediali ed informatiche, che possa rappresentare un polo di attrazione anche e non solo per i giovanissimi del nostro territorio“; nel 2012 il manifesto programmatico di cui si tratta propone genericamente un “miglioramento” per la biblioteca, come per altri servizi, che ovviamente possono sempre essere migliorati.
Servizi – Centro Sociale Anziani: la materia in questione è stata oggetto d’interrogazioni in data 9 giugno 2010 e 12 dicembre 2011 da parte del Consigliere Comunale Alessandro Ristich e, come si apprende dal già citato schema pubblicato giovedì ultimo scorso alle 22.30 sulla pagina Facebook “Capena: I Dimenticati”, grazie all’interessamento del Consigliere Ristich è stato alfine redatto un regolamento di gestione del Centro Sociale Anziani – regolamento la cui approvazione in Consiglio Comunale è ormai prossima.
Servizi – Apertura di una nuova farmacia: come si fa notare nello schema pubblicato giovedì ultimo scorso alle 22.30 sulla pagina Facebook “Capena: I Dimenticati”, l’apertura di una nuova farmacia a legislazione vigente sarebbe consentita per Capena solo con il raggiungimento del numero di 10.000 residenti e il relativo bando, peraltro, non potrebbe farsi prima del 2013; l’impatto di eventuali provvedimenti liberalizzatorii, di competenza statale, che incidessero sul rapporto farmacie/abitanti abbassando il denominatore (da 1:5000 a 1:3000) e alzando quindi il valore del rapporto, non potrebbe aversi prima del 2013.
Miglioramento dell’urbanizzazione delle Zone Periferiche: tema che, come si rileva nello schema pubblicato giovedì ultimo scorso alle 22.30 sulla pagina Facebook “Capena: I Dimenticati”, sembra esulasse pressoché totalmente dalla sfera d’interessi del centrosinistra all’opposizione e ora si propone all’attenzione del centrosinistra di governo. Molteplici, invece, le interrogazioni/istanze presentate sull’argomento dal “Maestrale” e non tutte, stando alla relativa sezione del sito Internet del “Maestrale”, sembrerebbero aver avuto il doveroso riscontro.
Rivalutazione dei siti archeologici e dei beni artistici di Capena: a parte un’interrogazione presentata dai Consiglieri Comunali di “VivaCapena” circa la situazione del Lucus Feroniae – interrogazione che prendeva spunto da un articolo di giornale – non vi sono stati, da parte del centrosinistra di opposizione, altri segnali d’interesse per l’argomento, mentre il Consigliere Comunale Ristich, come ricorda il già citato schema pubblicato giovedì ultimo scorso alle 22.30 sulla pagina Facebook “Capena: I Dimenticati”, si è a più riprese occupato, con istanze rivolte alla competente Soprintendenza, dei ritrovamenti archeologici lungo la Tiberina in sito destinato alla realizzazione di un (ulteriore) centro commerciale; inoltre, tanto Ristich quanto Angela Montereali hanno proposto, ognuno indipendentemente dall’altro, un’interrogazione sull’attualmente inaccessibile sito detto “Farmacia Vecchia”, senza, a quanto pare, ricevere risposte dall’Amministrazione.
Recupero e riutilizzo dell’ex Cantina Sociale“: si tratta d’intervento che non può essere realizzato direttamente dal Comune; l’area era di pertinenza della società cooperativa a responsabilità limitata (s.c.ar.l.) Cantina Sociale Feronia, sottoposta a liquidazione coatta amministrativa (l.c.a.); nel programma presentato per le comunali del 2009 dalla lista civica di centrosinistra “VivaCapena” si legge (pag. 7) che si vorrebbe “riportare il luogo ad un suo antico splendore, creando un’area multifunzionale (per fiere, mostre, mercato, ecc.) capace di attrarre persone” e si aggiunge che “per la realizzazione di questo obiettivo sarà necessario l’accordo e il concorso dell’ente proprietario della struttura“, con probabile riferimento all’ARSIAL, cioè all’Agenzia per lo Sviluppo e l’Innovazione dell’Agricoltura del Lazio; nessuna azione di stimolo nel senso così delineato nel programma per le comunali del 2009 è stata svolta dall’opposizione di centrosinistra nei due anni e mezzo di legislatura trascorsi dopo le elezioni del giugno 2009.
Opere pubbliche – ponticello al Bivio: dovrebbe trattarsi di obiettivo analogo a quello proposto dal programma del “Maestrale” per le elezioni del 2009, laddove si propone la “Realizzazione passo pedonale per il facile raggiungimento della Chiesa e dei giardini”, mentre, curiosamente, non sembra che una proposta del genere sia nel programma presentato dalla lista civica di centrosinistra per le comunali del 2009, dove, a proposito del Bivio, si legge tra l’altro (pag. 13) di “marciapiede da Maleranca al Bivio” e di “collegamento trasversale tra la Provinciale-Bivio e la Tiberina“, che non sembrerebbero aver a che vedere con il “ponticello al Bivio” scoperto nel programma del 2012.
Di grande genericità è un obiettivo come il “rilancio del Centro Urbano“.
Scontato e ovvio come obiettivo è il miglioramento dei servizi sociali comunali, essendo i servizi nella quasi totalità dei casi suscettibili di essere migliorati.
Da ultimo, è strano che, nonostante l’enfasi posta sulla trasparenza sia nella versione sintetica in quattro punti del programma PD per la seconda metà della legislatura, sia nella sua versione estesa nel manifesto “UN NUOVO PATTO PER CAPENA E PER I SUOI CITTADINI”, non sia ripreso quanto proposto nel programma della lista civica di centrosinistra “VivaCapena” per le comunali del 2009, e cioè l’istituzione di un Consigliere alla trasparenza, così come vi fu nel quadriennio dell’Amministrazione di centrosinistra a Capena tra il 1995 e il 1999.

10 Risposte to “CAPENA: ALCUNE OSSERVAZIONI SUL MANIFESTO PROGRAMMATICO DEL PARTITO DEMOCRATICO – PARTE TERZA: TRA BULIMIA E APPROPRIAZIONI INDEBITE?”

  1. boris Says:

    Mi pare che non si interessi di cronaca nera, ma essendo un episodio accaduto ad un importante amministratore, attuale Assessore ed ex Sindaco, mi riferisco alle sue automobili danneggiate pesantemente nel suo parcheggio privato,Pensa che sia un episodio del tutto avulso dalle locali situazioni politico amministrative? Oppure e piu i
    portante anche per lei magari parlare delle firme raccolta dal Maestrale per tenere aperto il cimitero anche il lunedì ? Che opposizione pura e dura che darà un gran futuro a Capena!

    • Sostiene Pereira Says:

      Vecchia e arcinota strategia del politichese: quando le cose vanno male è imperativo cambiare argomento, presto detto presto fatto! Trovo assolutamente non pertinenti e irrilevanti le osservazioni di Boris al presente post di Trendelenburg. Rimaniamo sui fatti, sulle trombe e fanfare del PD circa i “4 punti” per amministrare Capena salvo poi scoprire, come giustamente rileva il Maestrale, che in gran parte sono cose già avviate o decise dalla precedente giunta!! Bella faccia tosta, del resto però ci ha già abituati a tali incredibili quanto deprecabili comportamenti. Rammento, ad esempio, come si affrettò il PD a salire sul carro dei vincitori dei referendum per l’acqua e nucleare quando in realtà fece di tutto per osteggiarli. Il lupo perde il pelo….

      • boris Says:

        Ma se siete di destra perché non partecipate alla vita dei vostri partiti? Come mai tutta questa attenzione sul Pd?

  2. trendelenburg Says:

    Per quanto riguarda la raccolta delle firme, su iniziativa del “Maestrale”, per tenere aperto il cimitero anche di lunedì, ne ha dato conto la bacheca del gruppo Facebook “Capena: I Dimenticati”; non escludevo di farne cenno anche in qualche post con un contenuto più di cronaca che di commento. Comunque mi sembra scontato che, nel ventaglio della sua azione, una forza di opposizione venga ad occuparsi anche di aspetti, se si vuole, non importantissimi, ma che rivestono comunque un qualche valore per almeno alcuni dei cittadini. In fondo il cimitero è luogo pubblico per eccellenza e tale sua pubblicità, a mio avviso, dovrebbe implicare, tendenzialmente, un’apertura continua, cioè in tutti i giorni della settimana, pur con ovvi limiti di orario (prosegue).

  3. trendelenburg Says:

    Per quanto concerne il fatto delittuoso richiamato dall’utente Boris, è evidente che, per poter dire qualcosa di significativo, occorrerebbe avere quantomeno una plausibile ipotesi sulla causale (ossia sul movente) del fatto.
    Per il momento, si possono solo fare considerazioni in merito alle dichiarazioni e affermazioni relative al fatto in questione.
    C’è stato un manifesto del PDL che “con certezza” esclude che il fatto sia “riconducibile a fatti ricollegabili alla politica locale” e lo definisce atto di “squilibrati comuni” e di “chiara ispirazione mafiosa”; la presa di posizione del PD è meno categorica nell’escludere che il movente sia in qualche modo di carattere politico e sembra tuttavia ritenere che tale ipotesi sia improbabile. Solo alcuni estemporanei e superficiali commenti su Facebook sembrano sposare un’interpretazione “politica” del fatto, ma di essi non può tenersi seriamente conto, trattandosi di reazioni emotive non argomentate (segue).

  4. trendelenburg Says:

    Per quanto concerne non il fatto, gli accertamenti sul quale spettano alle Forze dell’Ordine e alla Magistratura, ma le dichiarazioni e le affermazioni fatte su di esso, si può rilevare che:
    a) si esclude che sia un atto di vandalismo fine a se stesso;
    b) si esclude che il “target” dell’azione sia persona diversa dall’Assessore ed ex Sindaco;
    c) si esclude, con certezza (PDL) o tendenzialmente (PD), che la causale dell’azione possa trovarsi nella situazione politica locale (segue).

  5. trendelenburg Says:

    Tenendo conto di quanto sopra detto circa le ipotesi oggetto di esclusione, ne rimangono, sempre con riferimento alla prospettiva delineata dalle dichiarazioni e affermazioni rese dalle due forze politiche che fanno parte dell’attuale maggioranza, due:
    1) una causale legata alle funzioni pubbliche esercitate dal soggetto indicato come “target” dell’azione [questa causale va distinta da quella propriamente politica, di cui al punto c) del commento precedente];
    2) una causale di tipo privato (per “causale di tipo privato” s’intende “causale non legata alle funzioni pubbliche esercitate dal soggetto indicato come “target” dell’azione”).

  6. boris Says:

    Sembra un manifesto che circola per Capena il suo post? Si e’ iscritto o l’hanno iscritto?

  7. trendelenburg Says:

    Il manifesto cui fa riferimento il commento dell’utente Boris è stato assai di recente pubblicato dal “Maestrale”, con il titolo “TANA!!! IN RISPOSTA AL MANIFESTO DEL PD” e vuol essere una risposta ai recenti manifesti programmatici del PD. Debbo tuttavia precisare che i contenuti del “post” sono stati in massima parte tratti da un “post” pubblicato sulla bacheca della pagina Facebook “Capena: I Dimenticati” e che questo debito viene puntualmente e ripetutamente riconosciuto e dichiarato nel “post” di questo blog “Alcune osservazioni sul manifesto programmativo del Partito Democratico – parte terza”. E’ evidente, quindi, che il manifesto del “Maestrale” non trae spunto dal “post” di questo blog, ma che, al contrario, è chi scrive che, trovandoli interessanti, ha ripreso, dichiarando la fonte, i contenuti di un “post” comparso sulla bacheca della pagina Facebok “Capena: I Dimenticati” – contenuti riproposti anche nel manifesto “TANA!!! IN RISPOSTA AL MANIFESTO DEL PD” del “Maestrale”.

  8. Sostiene Pereira Says:

    Una risposta in merito al commento dell’utente Boris del marzo 12, 2012 alle 10:28 pm. “Ma se siete di destra perché non partecipate alla vita dei vostri partiti? Come mai tutta questa attenzione sul Pd?”
    Punto primo non mi ritengo affatto persona di destra, anzi tutt’altro (ad ogni modo non posso parlare dell’altra persona a cui sembra alludere Boris con il suo uso del plurale).
    Punto secondo, non si evince come l’utente Boris sappia che il/la sottoscritto/a non partecipi alla vita di un qualsiasivoglia partito.
    Punto terzo, si commentano i post dell’autore del Blog in questione. Tuttavia giova ricordare al diciamo così, poco attento, utente Boris che si parla, e giustamente aggiungerei, del PD perché la politica e le scelte che ha preso negli ultimi tempi (e tutto ciò che non ha fatto negli anni passati aggiungerei) risulta ai più quantomeno singolare, se non inimmaginabile, o taluni hanno preferito usare la parola “tradimento”. Per cui se ne parla e a ragione!
    “aut tacere aut loquere meliora silentio”

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: