CAPENA: UN MANIFESTO DI “SINISTRA, ECOLOGIA E LIBERTA'” SULLA NUOVA GIUNTA COMUNALE

Con un manifesto pubblicato in forma cartacea nella tradizionale collocazione in via IV Novembre, e cioè appoggiato sulle mura del Palazzo Barbetti, l’articolazione capenate del partito “Sinistra, Ecologia e Libertà” (SEL) prende posizione sulla nuova Giunta Comunale di Capena.
Premesso un giudizio negativo sull’Amministrazione di centrodestra che ha governato Capena per dodici anni dal 1999 sino alla fine del 2011, la quale ha talvolta – dice il manifesto esprimendo una critica politica – dato “l’impressione” di perseguire più interessi privati che il bene della collettività, l’articolazione capenate di SEL considera negativamente anche la scelta operata dai due Consiglieri Comunali eletti nella lista civica di centrosinistra, i quali sono recentemente entrati in maggioranza al posto dell’UDC che ne è uscito.
Il manifesto nota che non è per questo che essi erano stati eletti nel 2009, rilevando che, se si erano presentati in alternativa alla lista civica di centrodestra, una volta sconfitti la loro collocazione era e sarebbe dovuta rimanere all’opposizione.
Il manifesto di SEL, poi, focalizza la polemica contro “la presunzione di alcuni personaggi della sinistra capenate“, dei quali si dice nel manifesto che sono invecchiati, non più indispensabili, propensi al compromesso con i vecchi avversari, rimasti ormai soli senza aver insegnato nulla a nessuno, e, in buona sostanza, addebita a tali innominati personaggi la responsabilità della svolta “governativa” del PD locale – svolta che, come nota il manifesto di SEL, è stata giustificata con il rilievo per il quale, uscito l’UDC dalla maggioranza, da quest’ultima sarebbero rimaste escluse “le componenti più pericolose“, con le quali, peraltro, il PD capenate – nota ancora il manifesto – aveva cercato l’alleanza in vista delle elezioni comunali del 2009.
Mentre non è da escludersi che nell’evoluzione/involuzione del PD capenate abbiano giocato un ruolo anche fattori temperamentali/caratteriali, ciò di cui più produttivamente si sarebbe, a nostro avviso, dovuta occupare una formazione politica, quale è SEL, è un aspetto non psicologico, ma schiettamente politico. Ci risulta che i due più giovani candidati al Consiglio Comunale nella lista civica di centrosinistra “VivaCapena” alle elezioni del 2009 si dichiarassero entrambi alla sinistra del PD: quindi, anche se alcuni dicono che voti della sinistra cosiddetta “radicale” sono finiti a “Capena Anno Zero”, la lista civica di centrosinistra “VivaCapena” ha sicuramente raccolto voti alle comunali del 2009 anche tra elettori che si riconoscono non nel PD, ma in formazioni che si collocano a sinistra del PD, ed è grazie anche ai voti di questi elettori che la lista civica di centrosinistra è arrivata dove è arrivata, cioè ad avere due rappresentanti nel Consiglio Comunale.
La decisione assunta dal Direttivo del circolo territoriale del PD di Capena – cioè la decisione che “autorizza” i due Consiglieri Comunali eletti per la lista civica di centrosinistra ad entrare in maggioranza – di fatto ha confiscato d’autorità senza averne alcuna autorità i voti espressi da elettori che, senza riconoscersi nel PD, hanno votato per la lista civica di centrosinistra alle comunali del 2009 a Capena; tra questi elettori ci sono anche quelli che votano alle politiche per partiti a sinistra del PD.
L’articolazione capenate di SEL ha qualcosa da dire al riguardo?

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: