CAPENA: UNA PUNTUALIZZAZIONE A PROPOSITO DELLA COMPOSIZIONE POLITICA DELL’AMMINISTRAZIONE COMUNALE

Nella comune affermazione secondo la quale l’UDC sarebbe ormai “fuori” dall’Amministrazione Comunale non è tenuto in debito conto un fatto, e cioè che l’Assessorato all’Urbanistica rimane a persona eletta nel Consiglio Comunale in quota UDC.
E’ ben vero che, diversamente dagli altri eletti al Consiglio Comunale in quota UDC nella lista “Per Capena con voi”, l’Assessore all’Urbanistica non è uscito dalla maggioranza e mantiene la propria delega e che il manifesto del dicembre 2011, con il quale l’UDC ha reso nota alla popolazione che non era più in maggioranza, qualificava tale sua scelta (quella di rimanere in Giunta, cioè, e quindi di non dimettersi da Assessore) come “incomprensibile”, “non giustificata” e “non giustificabile”, lasciando quindi intendere che la decisione di rimanere in Giunta da parte dell’Assessore all’Urbanistica fosse stata presa in disaccordo con il suo partito di riferimento, cioè con l’UDC. Un disaccordo, quindi, apparente, nel senso che appare da quanto scritto nel manifesto del 2011, che, con la triplice aggettivazione sopra ricordata, tiene particolarmente a sottolineare che la scelta di rimanere in Giunta da parte dell’Assessore all’Urbanistica è stata compiuta a titolo personale.
Avendo l’attuale Assessore all’Urbanistica, per quanto ne sappiamo, fatto il proprio ingresso nel mondo della politica comunale solo nel 2009, con la candidatura in quota UDC nella lista civica “Per Capena con voi”, confortata poi dall’elezione in Consiglio Comunale, pur se tra i meno votati dei candidati Consiglieri eletti nella predetta lista civica, è plausibile ritenere che la delega assessorile ricevuta sia da correlarsi anche all’autorevolezza del partito di riferimento, che a Capena gode di consenso non trascurabile.
Non sappiamo se l’Assessore all’Urbanistica sia iscritto al partito UDC o meno e, ove la risposta a tale domanda sia positiva, se l’essere andato contro l’orientamento del partito rimanendo in Giunta abbia, ad esempio, comportato l’adozione di qualche provvedimento disciplinare.
Pare opportuno affiancare la consueta affermazione, secondo la quale l’UDC non ha più un proprio rappresentante nella Giunta Comunale, con le considerazioni e con le specificazioni sopra riportate.

14 Risposte to “CAPENA: UNA PUNTUALIZZAZIONE A PROPOSITO DELLA COMPOSIZIONE POLITICA DELL’AMMINISTRAZIONE COMUNALE”

  1. boris Says:

    Sembra abbastanza chiaro a chi legge che l’assessore in quota Udc , sia stato “espulso dalla udc” forse perché non in linea con i diktat di partito. Essendo quello di consigliere un mandato personale egli ha ritenuto opportuno non allinearsi con il partito che voleva spostare a destra l’asse della coalizione . Non era anche quello,, se la mettessimo sul piano del tradimento elettorale , un tradimento? Sembra chiaro a tutti , certamente anche ad un osservatore attento come lei , che l’Udc non e’ piu ‘ in maggioranza .

  2. trendelenburg Says:

    Una notazione sulla questione del “tradimento” – termine che l’utente Boris richiama incidentalmente. Personalmente, come l’utente commentante avrà notato, non ho mai fatto uso di questo termine, sia perché ingiurioso e quindi da evitare in quella che si vuole civile espressione di opinioni, sia perché sposta sul piano etico una valutazione la cui sostanza è tutta politica. Per metterla nella maniera più pratica possibile, il problema è chiedersi che cosa avrebbero fatto gli elettori nell’ultimo turno elettorale se avessero saputo che il loro voto sarebbe stato poi utilizzato in una certa direzione dagli eletti: si tratta di un ragionamento “controfattuale”, che rimanda al patto fiduciario che si stabilisce tra elettore ed eletto sulla base delle aspettative che il secondo suscita nel primo, presentando un certo programma e una certa “squadra”. Non è un problema di legittimità giuridica, che non può essere messa in discussione, giacché il Consigliere non è legato ad un vincolo di mandato, ma un problema di legittimità politica. Si aggiunge poi, nella fattispecie, il problema per il quale il partito che ha deciso un mutamento di linea (dall’opposizione al governo insieme con parte di coloro ai quali in precedenza ci si opponeva) costituisce solo parte dello schieramento (centrosinistra) che trova espressione nella lista civica, per la quale sono stati eletti i due Consiglieri che sono in procinto di passare dalla minoranza alla maggioranza, sicché la decisione di mutare la linea (dall’opposizione al governo insieme con parte di coloro ai quali ci si opponeva) è stata adottata senza il coinvolgimento degli elettori di centrosinistra che, tuttavia, non si riconoscono nel partito che ha deciso il mutamento di linea (coinvolgimento che potrebbe realizzarsi solo con nuove elezioni).

    • boris Says:

      Io veramente affermavo l’opposto . Chi muta linea e apre le danze e’ l’Udc che con un manifesto pubblico chiede di spostare la maggioranza a destra ( tenta forse anche col
      Maestrale) .. Iniziano una serie di prese di posizione in cui tutti hanno tentato di ricollocarsi . Nella pubblica opinione di Capena pare che politicamente solo il Pd tradisce i suoi elettori . Qui si possono aprire tante discussioni . Per l’elettore e ‘ importante cosa fai o con chi lo fai? E’ nel cambio di alleanza la perdita di fiducia ? Tutti parlano sempre ed enfatizzano i programmi in realtà nessuno si chiede cosa voglia fare questa nuova maggioranza . Opporsi e’ certamente un ruolo ma a livello amministrativi se una maggioranza onesta ed illuminata proponesse delibere e progetti utili per il paese che dovrebbe fare un opposizione onesta? Votare contro ? ed i suoi elettori invocare il tradimento? Perché l’Udc può scegliere a seconda delle situazioni alleanze e Pd , Pdl si dovrebbero precludere questo . La Merkel in Germania guida una grande coalizione .. Quale elettore tedesco l’aveva votata? perché non si sentono traditi ? La politica e’ la ricerca di soluzione non etica astratta!

      • trendelenburg Says:

        Il ragionamento è molto chiaro, ma resta il fatto che l’UDC, chiedendo l’allargamento della maggioranza al Consigliere che appartiene al partito “La Destra”, non ha fatto altro che chiedere che si replicasse a livello locale la maggioranza non certo anomala che c’è in Regione, mentre un’amministrazione PD-PDL è, almeno per il momento, un fatto eccezionalmente raro, a differenza di una coalizione PDL-UDC-Destra. Quindi, a mio avviso, è evidente la differenza tra i due casi; inoltre, come già si è evidenziato, quando, dopo critiche talora anche aspre, si passa al governo con (alcuni di) coloro ai quali prima ci si opponeva, significa che su tutta una serie di aspetti si tira necessariamente un frego, altrimenti la nuova maggioranza non potrebbe sussistere, e si riparte da capo -cosa che alcuni potrebbero ritenere non giusta, né opportuna.
        Quanto al voto sulla base dei progetti concreti, anche l’UDC, nel suo manifesto di dicembre, in cui annunciava la propria fuoriuscita dalla maggioranza, affermava che avrebbe valutato le proposte amministrative nel merito senza pregiudiziali avendo presente l’interesse del paese e, se del caso, avrebbe votato a favore, pur stando fuori della maggioranza. In Germania la grande coalizione c’è stata dall’inizio della legislatura, non è il frutto di un cambiamento in corso di legislatura per la crisi di una maggioranza precedente.
        Mi sembra, poi, che il ragionamento dell’utente Boris porti, in buona sostanza, a ritenere scarsamente significanti, a livello locale, le differenziazioni partitiche, sicché parrebbe allora più logico, in questa prospettiva, fondare “poli del buongoverno” che vadano al di là delle configurazioni tradizionali; o quantomeno, a partire dalle prossime elezioni dovrebbe essere imperativo il precisare da subito con chi si vuole o si è disposti a fare quel che si ha intenzione di fare.

      • boris Says:

        Gli elettori tedeschi non avevano votato per la grande coalizioni .. nessuno poi viste le condizioni date ha gridato allo scandalo .. L’Udc non può invocare la Regione sono Istituti diversi .. al comune di Roma sono all’opposizione ad esempio .. il Pd e la pdl trattandosi di partiti che hanno sempre promosso liste civiche in quanto a livello locale e ‘ complicato far emergere differenze ideologiche hanno finalmente avuto l’intelligenza di non farsi sempre ricattare dai partiti e dai movimenti che fanno riferimento a singole persone .. questa a mio parere intellegente mossa e’ ovvia che dia fastidio … In un post di un po’ di tempo fa anche lei osservatore attento , anche se un po’ cerchio-bottista trovo ‘ interessante pur cin i dovuti distinguo questo nuovo scenario politico . Per lei si apre poi una grande prateria dove far pascolare i suoi intelligenti commenti!

      • Sostiene Pereira Says:

        Il ragionamento di Boris è chiaro, sì, ma allora ci si potrebbe chiedere che cosa andiamo a votare?? Mi spiego. A Capena si sono presentate 4 liste, 2 civiche (Capena Anno Zero e il Maestrale, anche se quest’ultima più volte ha manifestato di rifarsi alla Pdl), 2 liste di partito (cioè presunte liste civiche che però esprimevano gli indirizzi del Pd e Pdl, cioè Viva Capena e Per Capena con voi), queste liste hanno presentato dei candidati e dei programmi, il corpo elettorale ha deciso tramite il voto quali programmi e persone dovessero amministrare la cosa pubblica. Le altre liste sono andate all’opposizione. Detto questo secondo Boris tutto ciò potrebbe benissimo risultare superfluo, tanto poi alla bisogna o l’uno o l’altro potrebbero interscambiarsi, che problema c’è? Nessun problema, del resto anche in parlamento nell’ultima legislatura i cosiddetti “responsabili” dall’opposizione hanno salvato il governo Berlusconi, ora anche a Capena. Allora ci si potrebbe domandare ma perché presentare progarmmi, talora molto divergenti, e poi criticare ed incalzare l’amministrazione dall’opposizione (anche se ad onor del vero il PD di Capena non ha brillato in ciò) quando sarebbe molto più semplice, come sostiene Boris, mettersi tutti insieme a “fare le cose”, facciamo tutti una bella maggioranza “illuminata” e risolviamo tutti i problemi! Certo noi non conosciamo ancora “cosa voglia fare questa nuova maggioranza” ma chi ci dice che è quello per cui il corpo elettorale si è espresso? Gli eletti certo non sono vincolati da mandato, ma per lo meno da un patto fiduciario, come ci ricorda Trendelenburg!!
        Temo che la “geniale” mossa del PD sia solo una goffa strategia per evitare che si andasse ad elezioni questo giugno (e non tra 1 o 2 anni come vogliono per comodo loro farci credere) perché non hanno un candidato e perché in questi 2 anni e mezzo di opposizione sono stati a dir poco inesistenti (certo sempre se si eccettua la supposta possibilità di spostare il monumento ai Caduti, vero fulcro della politica capenate).

  3. trendelenburg Says:

    Pressoché impossibile dir meglio dell’utente Sostiene Pereira.

    • boris Says:

      Ma i fatti che accadono sono per voi irrilevanti? Si decide di andare a sciare vi e ‘ una bufera di neve … si può ripiegare su una calda piscina ? Come si può ‘ essere così ciechi da non vedere quando cambiano le cose ? Certo per un conservatore come Trend e con i suoi commenti permeati da un pensiero ossessivo e’ molto difficili avere dentro la testa un idea che non si muova dentro percorsi solo collaudati . Ma non capite che la battaglia non e ‘ solo politica ma sopratutto economica? Non avete capito che vi sono le premesse per metter all’angolo un sistema . Il Pd può essere il cavallo di Ulisse . A cosa serve il politico radicale che come risultato fa vincere soli e sempre i conservatori. Guardate che il Grilliamo oggi ed i radicalismi ieri in Italia sono sempre serviti a far trionfare i poteri che a parole dicevano di combattere . !

      • boris Says:

        Poi basta con questa enfasi del corpo elettorale che invoca ora governi democratici in Grecia non si e’ accorto ( o fatto finta ) delle ruberie per anni! Basta con questo corpo elettorale che i programmi delle liste neppure li ha letti ! Secondo voi il corpo elettorale vota con la consapevolezza ? Siete o illusi o un pochino ipocriti .. avete visto chi segue i consigli comunali? Avete visto chi si e’arricchito in questi anni a Capena ? Come funziona il sistema urbanistico , edilizio , piccole imprese con partite IVA e senza partite IVA, società che vendono case e chi ne ha piu ne metta ! Avete capito che quando sente puzza di PRG questo sistema va in fibrillazione? Certo la strada e lunga ed insidiosa ma il pallino ha cambiato mano . Coraggio Trend .. piu fantasia!

      • trendelenburg Says:

        L’utente Boris dice che è possibile “metter all’angolo un sistema”. Suppongo che il “sistema” al quale egli fa riferimento sia quello che, secondo la sua opinione, si è instaurato a Capena dopo le elezioni del 1999, che videro la sconfitta della lista civica di centrosinistra e il ritorno del centrodestra al potere. Quindi, il “sistema” di cui si parla non può che essersi realizzato con il concorso, se non altro per omissione, di coloro con i quali ora il PD va ad allearsi (uso questo verbo per semplicità, pur non ignorando che si è precisato che non vi sarebbe “alleanza” tra PD e PDL a Capena con la nuova Giunta, ma comune sostegno ad uno stesso Sindaco, eccetera).
        Le considerazioni dell’utente Boris, in buona sostanza, sembrano presupporre e implicare un PDL sempre succube: dal 1999 fino al 2009 il vero “dominus” della coalizione di centrodestra sarebbe stato l’UDC, che s’intuisce essere, nel pensiero dell’utente Boris, vero artefice e responsabile del “sistema”; dopo un biennale periodo di “crisi”, dapprima strisciante e poi esplicita, risolta con l’uscita dell’UDC e l’entrata del PD in maggioranza, dal 2012 sarà quest’ultimo a grandeggiare nella coalizione, mettendo nell’angolo il “sistema” asseritamente creato dall’UDC – cosa che evidentemente il PDL non è stato capace di fare, poiché questo “sistema” sarebbe sorto e cresciuto quando al governo del Comune c’era anche il PDL, che ne è quindi politicamente corresponsabile (ed è sottinteso, nel discorso, che prezzo più che accettabile da pagare per il grande cambiamento sarebbe il passare sotto silenzio la corresponsabilità politica del PDL, se non altro per omissione, nel cosiddetto “sistema”). Se poi si ritenesse il PDL corresponsabile politicamente del cosiddetto “sistema” a pieno titolo, cioè non solo per omissione o distrazione, ne conseguirebbe che, quasi magicamente, questa formazione politica cambierebbe d’incanto attitudini a seconda del soggetto politico con il quale è coalizzato. Allora la domanda, che consegue alla prospettazione che fa l’utente Boris, è: ma quanto conta il PDL a Capena, se può indifferentemente stare prima con l’UDC, consentendo che metta in piedi l’asserito “sistema”, e poi con il PD, consentendo che questo smantelli il “sistema” asseritamente messo in piedi dall’UDC?
        Quindi abbiamo l’UDC, artefice dell’asserito “sistema”, il PD, capace di smantellare lo stesso “sistema”, i “radicali” ingenui che fanno senza volerlo il gioco di chi è artefice del sistema (e potrebbero essere anche il “Maestrale” e “Capena Anno Zero”) e poi questo strano magma malleabile che cambia di segno e di orientamento secondo che sia al governo con l’UDC o con il PD.
        Quanto poi al “pensiero ossessivo” di cui parla l’utente Boris, vorrei fare – se ben comprendo ciò a cui si riferisce – la seguente considerazione.
        Quali sono le risorse di Capena? A Capena, ad esempio, non c’è il petrolio, né ci sono filoni di metalli preziosi da sfruttare. La principale risorsa di Capena non è altro che il suo TERRITORIO: questo è il principale fattore sul quale, in un dato contesto e con determinate forme di sfruttamento di questa risorsa, si possono costruire profitti e carriere di vario genere (tanto per tornare all'”economia”, sulla quale pone l’accento l’utente Boris). Se così è, è assai difficile, per non dire impossibile, sopravvalutare l’importanza della gestione o non-gestione del territorio e porre l’accento sui relativi episodi, per i quali, comunque li si voglia giudicare, ovviamente vi sono responsabilità, perché non sono fenomeni naturali ineluttabili.

      • Sostiene Pereira Says:

        Mi meraviglio (ironicamente) di come possa l’utente Boris sostenere che “vi sono le premesse per metter all’angolo un sistema” quando i personaggi che si ritrovano oggi nella “nuova” maggioranza sono coloro che da più di vent’anni foraggiano il “sistema” dall’una e l’altra parte. Gli uni creando lo scempio, in particolare edilizio, che abbiamo sotto gli occhi a Capena, gli altri girandosi dall’altra parte, o peggio ancora, sostenendolo indirettamente! Certamente noi saremo degli illusi ma abbiamo gli occhi aperti, la favoletta che racconta il PD non può darla a bere a tutti, e allora ha ragione Boris la battaglia sarà certamente anche “economica” ma per le tasche di chi?? Ed infatti sempre secondo Boris “quando sente puzza di PRG questo sistema va in fibrillazione”, giustissimo tanto che una parte della maggioranza forse non si è sentita “assecondata o soddisfatta” nelle proprie “aspirazioni”, forse un’altra parte politica invece spera o ambisce a veder “soddisfatti” i propri interessi…edili (magari proprio come già avvenuto in passato). Caro Boris meno fantasia please!

      • boris Says:

        Le ultime venti righe di Trend centrano finalmente il problema … che fatica pero! I partiti del centro dx in questi 15 anni sono stati il veicolo sul quale sono saliti i potentati economici locali . Altro che ideologie e politiche . Nel 1995 la coalizione del potere economico ex pentapartito sfioro ‘ la vittoria a fronte di voti politici di lista molto inferiori. Nel 1999 ex popolari .. An .. Forza Italia .. Destra estrema e Ccd piu qualche indipendente vinsero le elezione .. Il potere economico in ogni partito piazzo ‘ un suo uomo .. Nel 2004 vinsero di nuovo in modo schiacciante pur perdendo una piccola componente di centro … Nel 2009 di nuovo la vittoria .. Nel frattempo sorgevano studi tecnici sparsi con intelligenza nel territorio ed agenzie immobiliari .. Fu tanta l’arroganza e la forza del potere eonomico , visto alcuni consiglieri eletti che poteva far eleggere anche un cavalli! Il potere economico poi e’ molto abile nel distribuire le cosiddette briciole e nel mandare avanti come visibilta’ persone desiderose di apparire . A volte pero’ come sempre nella storia capitano incidenti non previsti … un assessore silenzioso ed apparentemente ubbidiente che invece non ama essere diretto .. un sindaco che improvvisamente si guarda allo specchio e scopre di avere la fascia, scopre che qualcuno osa sfidarlo e si accorge che non controlla tutto .. Tutti i grandi despoti nella storia in genere finiscono così a ribaltarli sono sempre gli amici di sempre … A domani per prossima puntata … Il potere economico Trend ti chiederai chi e’? Chi mette i soldi al primo posto nella vita e che non hai mai visto con un giornale sotto braccio per Capena!

      • boris Says:

        Quando ci commentera’ Trendelemburg il bel manifesto politico di Anno Zero pubblicato sul dito ? Finalmente una critica politica, condivisibile o meno ,ma senza insulti .

  4. boris Says:

    La litania dell’opposizione che ha responsabilità in questi anni di malgoverno ,uguali a quelle del potentato economico e ‘ in fondo una delle ragioni che hanno fatto si che questo potere dura così ‘ a lungo Utenti come Sostiene Pereira dovrebbero acconto ad affermazioni importanti su speculazioni edilizie perpetrate da elementi della minoranza citare fatti e circostanze .. Altrimenti diventano opinioni vaghe . In gergo calcistico fallo di confusione . Questo tipo di fallo rilevato dall’utente Sostiene Pereira, e ‘ utilizzata dall’arbitro che vuole far rimanere il risultato così come e ‘ . In genere a favore di chi già vince!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: