CAPENA: LA SCELTA DEL (DIRETTIVO DEL) PD LOCALE E LA DIALETTICA MAGGIORANZA-OPPOSIZIONE

Tornando su una questione già accennata nel precedente “post”, può essere utile cercare di mettere a fuoco in concreto qualche problema che si pone con il passaggio di una forza di opposizione in maggioranza.
In termini generali, il ragionamento è il seguente:
– tra le funzioni di una forza di opposizione, vi è quello di denunciare le responsabilità politiche di chi governa;
– tale funzione di denuncia non può più essere espletata se dall’opposizione si passa in maggioranza, perché non potrebbe sostenersi una maggioranza nella quale una componente si mettesse contro l’altra denunciandone senza sconti e senza reticenze le responsabilità politiche;
– la forza di opposizione che passi in maggioranza deve dunque necessariamente rinunciare alla propria funzione di denuncia delle responsabilità politiche.
Si noti che, anche a livello nazionale, chi dall’opposizione passa alla maggioranza usualmente cambia anche collocazione politica e formazione politica di appartenenza (si pensi al “cambio di casacca” dei dipietristi Razzi e Scilipoti in Parlamento).
Vediamo in concreto un esempio:
– nel 1998 l’Amministrazione di centrosinistra presieduta da Roberto Barbetti adottò una variante generale al p.r.g., approvata dalla Regione Lazio nel 2001;
– nel sito del PD di Capena è dato leggere un intervento, datato 9 marzo 2011, dal titolo si legge “Scandalo Lucus Feroniae, Capena vergogna d’Italia“, nel quale si afferma che sono “decine gli interventi urbanistici ed infrastrutturali previsti dal PRG della giunta Barbetti (strade, parcheggi, giardini, spazi verdi) assolutamente incompiuti“;
– i vincoli espropriativi relativi a questi spazi pubblici furono rinnovati nel 2006 dopo un quinquennio dall’entrata in vigore del nuovo p.r.g.;
– ora, trascorso un altro quinquennio, parrebbe che tali vincoli siano scaduti, non essendo stati rinnovati;
– l’Amministrazione comunale, sostanzialmente la stessa dal 1999 ad oggi, dovrebbe dunque avere, agli occhi del centrosinistra, la grave responsabilità di aver lasciato (definitivamente, sembrerebbe) inattuati “decine” di “interventi urbanistici ed infrastrutturali“;
– di quell’Amministrazione comunale fanno parte anche coloro con i quali ora il PD di Capena vorrebbe insediarsi al governo locale;
– il PD dovrebbe dunque rinunciare a denunciare la responsabilità politica di chi ha lasciato inattuate molte previsioni relative a spazi pubblici contenute nella variante generale adottata nel 1998 dalla Giunta di centrosinistra, per governare con chi rientra tra i responsabili della mancata attuazione.
Naturalmente si può sostenere che quelle previsioni sono rimaste inattuate perché mancavano oggettivamente i mezzi per realizzarle, ma in tale prospettiva nulla cambierebbe con l’entrata del PD in maggioranza, perché ciò che era obiettivamente impossibile prima rimarrà obiettivamente impossibile anche dopo e non sarà il PD al posto dell’UDC a cambiare la situazione.
Se, invece, si ritiene che vi sia una responsabilità politica in quell’inattuazione, allora chi sta all’opposizione dovrebbe adoperarsi per cercare di “mettere in quarantena” i responsabili, e non per tenerne alcuni al calduccio nelle stanze del potere locale.
Se vi fossero, come non pochi ritengono che vi siano, anche altre cose da rimproverare all’Amministrazione che ha governato dal 1999 in poi e da denunciare politicamente, il prezzo del passaggio in maggioranza, come già sopra argomentato, non può che essere la reticenza su questi punti.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: