CAPENA: IL RITORNO DEI SOFISTI E IL TENTATIVO DI GIUSTIFICARE L’INGIUSTIFICABILE

La novità dello scenario politico capenate rappresentata dall’ingresso del PD nell’area della maggioranza, dove già staziona il PDL, in sostituzione del fuoriuscito UDC, ha generato anche come suo sottoprodotto una serie di argomentazioni, volte a giustificare una scelta in chiaro conflitto con la normalità politica.
Si è così detto che il centrosinistra non sostiene una maggioranza dove è anche il PDL, ma sostiene un Sindaco che è sostenuto anche dal PDL.
Tra le diverse confutazioni possibili di questo pseudo-ragionamento, la più facile sta nel mostrare che l’argomentazione prova troppo: qualsiasi formazione politica in ogni situazione potrebbe rintuzzare le accuse d’incoerenza e di voltafaccia e giustificare allenze di fatto con l'(ex) avversario politico dicendo che non si allea con lui, ma che sostiene lo stesso Sindaco, o lo stesso Presidente di Provincia, o lo stesso Presidente di Regione, o lo stesso Presidente del Consiglio sostenuto da lui. La pseudo-argomentazione si espone, quindi, ad una fin troppo facile reductio ad absurdum.
Altra ovvia obiezione discende dalla “personalizzazione” del sistema elettorale, che per Comune, Provincia e Regione prevede la previa indicazione vincolante del candidato alla carica rispettivamente di Sindaco, di Presidente della Provincia e di Presidente della Regione. La conseguenza è che chi si propone come alternativo ad una coalizione di forze che sostengono un certo candidato si propone come alternativo anche e proprio a quel candidato e non può poi dire, a legislatura in corso, che quel candidato, che è stato poi eletto, gli va bene, al punto da rendergli accettabile la contiguità con l'(ex) avversario politico.
Altra obiezione è di natura storica. Nel nostro caso, l’attuale Sindaco di Capena, Antonella Bernardoni, ha già fatto parte della Giunta nel periodo 2004-2009 e, di conseguenza, deve ritenersi politicamente corresponsabile di una gestione che lo stesso centrosinistra ancora nel corso della presente legislatura ha giudicato in modo pesantemente negativo di conseguenza, non si capisce come possa andar bene come Sindaco chi non è andato bene come Assessore della Giunta immediatamente precedente.
Altro sofisma, o forse più semplicemente negazione della realtà, viene da chi, dopo aver manifestato il proprio dissenso e adombrato un distacco politico dal PD di Capena ove quest’ultimo andasse avanti nella linea dell’allenza con il PDL (o del sostegno al Sindaco “occasionalmente” sostenuto anche dal PDL), comincia a fare marcia indietro dicendo che il sostegno dei due Consiglieri di centrosinistra all’Amministrazione Comunale di Capena non è un sostegno del PD a quell’Amministrazione e scinde così i Consiglieri dal partito. Ora, che l’entrata dei due predetti Consiglieri nella maggioranza avvenga in esecuzione della volontà espressa dal partito, attraverso procedure statutariamente definito, non può revocarsi in dubbio: non può quindi considerarsi il cambio di campo dei Consiglieri alla stregua di una loro “scelta personale” non imputabile al partito PD.
Un punto poco chiaro è quello del “programma limitato” che l’Amministrazione sostenuta dall’inedita maggioranza PD-PDL dovrebbe avere. Non si comprende come, con metà legislatura davanti, si possa limitare a tre-quattro punti gli obiettivi dell’attività di governo, a meno che non si tratti dei punti così come formulati nel manifesto del PD “UNA NUOVA MAGGIORANZA (OSSIA IL CORAGGIO DI GOVERNARE)”, nei quali il terzo specialmente è di una genericità tale, implicando un generale miglioramento della situazione nel centro abitato e nelle periferie, da ricomprendere praticamente tutto. Comunque, l’azione di governo dovrebbe fondarsi su un previo accordo organico complessivo tra le distinte forze politiche che sostengono l’Amministrazione, mentre in questo caso il Sindaco viene prospettato come “fideiussore politico” della realizzazione di punti programmatici per i quali non vi è stato prima della legislatura alcun accordo tra forze allora su sponde opposte.

7 Risposte to “CAPENA: IL RITORNO DEI SOFISTI E IL TENTATIVO DI GIUSTIFICARE L’INGIUSTIFICABILE”

  1. boris Says:

    Se un personaggio come Trendelemburg attacca in modo così netto le posizioni del Pd sicuramente il partito sta facendo la scelta giusta. Egli in questo momento ispira il movimento di Ristich suggerendo interrogazioni . politicamente pero non ne azzecca una . E’ molto irritato perché il Pd sta scompaginando il loro progetto politico di destra populista!

  2. trendelenburg Says:

    Lo scrivente deve confessare la propria estraneità al mondo concettuale nel quale si muovono espressioni come “progetto politico di destra populista”, alle quali – poiché, come “forma mentis” e come seguace del rasoio del frate francescano Guglielmo di Occam, è aduso a pensare per problemi specifici e ben individuati – non riesce a connettere alcun significato concreto. Parimenti priva di senso concreto è l’espressione “azzeccare politicamente qualcosa”, che non evoca alcuna idea chiara e distinta: anche questa appare usata non per stimolare ragionamenti, che presuppongono idee chiare e distinte, ma, al più, per suscitare vibrazioni emotive nel lettore. L’utente Boris, inoltre, ritiene di ravvisare una vicinanza tra l’Autore del presente blog e il “Maestrale”, ma la lettura dei “post” dimostra con tutta evidenza che eguale attenzione è riservata a tutte le forze politiche di opposizione. Appare inoltre chiaro, alla lettura della vasta attività svolta in fatto d’istanze e d’interrogazioni dal “Maestrale” e da “Capena Anno Zero”, che i rispettivi rappresentanti consiliari, visti l’ampio ventaglio contenutistico delle istanze e delle interrogazioni e il dettaglio tecnico di alcune di esse, si avvalgono di uno staff che coopera con loro (non c’è da stupirsene, visto che molti di coloro che sono impegnati in politica si fanno coadiuvare in varie maniere da altre persone): sulla stessa bacheca della Comunità Facebook “I Dimenticati” è stato scritto (non ricordo precisamente quando, ma mi sembra da parte dell’amministratrice della Comunità Facebook in questione) che l’attività del “Maestrale” conta sull’assidua collaborazione di un gruppo di persone con elevato grado d’istruzione e ciò deve supporsi anche per “Capena Anno Zero”.
    Nell’articolo su “Scandalo Lucus Feroniae, Capena vergogna d’Italia”, sul sito del PD di Capena, è scritto che “si mira a continuare l’edificazione delle famigerate villette”: ecco, perché non parlare di “villette”, anziché di fantasmi come il “progetto politico della destra populista”? Nello stesso articolo si parla di decine d’interventi urbanistici ed infrastrutturali previsti nella variante generale approvata nel 2001: perché non parlare dei terreni che avrebbero dovuto essere espropriati od oggetto di “compensazione” e sui quali avrebbero dovuto essere realizzati quegl’interventi, anziché ripetere vacue formule come quella del “progetto politico della destra populista”?

  3. trendelenburg Says:

    Completando il commento al commento, lo scrivente deve aggiungere che, per quanto, come argomentato più volte in alcuni degli ultimi “post”, ritenga che le ultime scelte compiute dal PD di Capena siano il logico esito di un processo involutivo in atto da diverso tempo nel centrosinistra locale, il cambiamento che pare profilarsi nella composizione del governo locale potrebbe non mancare, alla luce della “filosofia del meno peggio”, di qualche aspetto positivo. Cercando di dare forma a questa idea, può dirsi – l’espressione può sembrare ironica, ma al momento non mi riesce di trovarne una migliore – che il PD potrebbe in definitiva rappresentare un “PDL dal volto umano” e che a Capena, con la nuova Amministrazione, si possa stare “meno peggio” che in precedenza.

  4. trendelenburg Says:

    Un’ultima chiosa. Inviterei – può sembrare ironico, ma non lo è – gl’ideatori dell’ultima svolta nelle vicende politiche locali a “pensare in grande”, dal momento che non è affatto escluso che quanto si profila a Capena possa “fare scuola” anche altrove. Il modello del comune sostegno di PD e PDL alla stessa Amministrazione (non dico “alleanza”, visto che alcuni sostengono che non vi è “alleanza” e poi ci s’impantana in discussioni nominalistiche) potrebbe essere ripreso in tutta una serie di situazioni, come migliore “soluzione”, in logiche quantomeno di “riduzione del danno” per i partiti. Quindi – ripeto – non è da escludere che possa assistersi ad una diffusione di questa sinora rarissima configurazione politica, la quale a Capena ha sue motivazioni particolari, che si è cercato d’illustrare, ma che potrebbe adattarsi a tutta una serie di situazioni e mostrare così una elevata “fitness” politica.
    Dovevo scrivere nella prima parte del commento al commento, ma lo aggiungo qui infine, che il dedurre la giustezza di una scelta dal fatto che essa trova opposizione da parte di chi viene ritenuto vicino ad un certo “progetto politico” è, ad avviso dello scrivente, un ragionamento errato, anche se fa parte di un tipo di argomentazione che è moneta corrente da sempre nei dibattiti “politici”.

  5. trendelenburg Says:

    Non va dimenticato che a Capena mancano, o almeno non sono presenti come forza organizzata a livello locale, formazioni che possano criticare “da sinistra” il comune sostegno di PD e PDL alla stessa Amministrazione: ci si riferisce a SEL, a IDV, a partitelli neocomunisti; né c’è il Movimento Cinque Stelle. A Morlupo, ad esempio, la situazione è diversa e le forze a sinistra del PD, non alleandosi con quest’ultimo alle comunali dell’anno scorso, hanno di fatto consentito al minoritario centrodestra del posto di riconquistare l’Amministrazione Comunale.

  6. Katrina Says:

    Ma questo Boris è un consigliere?

  7. trendelenburg Says:

    Con riguardo a quanto osservato dall’utente Katrina, devo ribadire quanto già affermato in passato, e cioè che la linea dello scrivente è quella espressa nel principio “non t’interessare di chi lo ha scritto, ma poni mente a ciò che è scritto”.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: