STORIE DELLA CAPENA CHE FU: “QUESTO NO”

Che nelle elezioni comunali possa esserci qualcuno che vota non “per”, ma “contro” qualcuno è ipotesi non facile a verificarsi, trattandosi di un voto ovviamente nullo. Che poi chi vota “contro” possa anche sottoscrivere la scheda elettorale, è vicenda che ha dell’incredibile; eppure, secondo quanto qualcuno racconta, accadde a Capena, quando circa mezzo secolo fa, in una tornata delle elezioni comunali, nello spoglio delle schede se ne trovò una con la scritta “questo no” riferita a Paolo Alei, alias “Cocciòla”. Chi espresse e sottoscrisse il “voto contro”? Secondo quanto riferisce qualcuno dei vecchi, si trattava della “sora Benilde”, all’anagrafe Carolina Sinibaldi, che defunse quasi novantenne verso la metà degli anni ’60 dell’ultimo secolo dello scorso millennio.
La coraggiosa e orgogliosa signora non era certamente una “comunista”, o, come oggi più frequentemente si dice, di “sinistra”; e il curioso episodio dimostra che già all’epoca vi erano divisioni nell’area “non di sinistra” a Capena.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: