CAPENA: LA TRADIZIONE ORALE E LE SUE STORIE

Sta assumendo un ruolo sempre più residuale a Capena la circolazione di storie tramandate per via di tradizione orale, le quali, benché non sempre, ovviamente, possano ritenersi attendibili, dicono comunque qualcosa sull'”immaginario collettivo”.

Una di queste storie, la quale, per motivi anche facilmente comprensibili, si è tramandata per via di trasmissione orale, concerne il periodo della seconda guerra mondiale: essa dice che alcuni valori, che i Tedeschi avevano asportati dalla Banca d’Italia, sarebbero stati, mentre erano conservati a Capena in “Villa Palmerini”, almeno parzialmente trafugati da un capenate e avrebbero posto così le basi della sua fortuna.

Deve precisarsi, a scanso di ogni equivoco, che la famiglia proprietaria dell’edificio, nel quale i Tedeschi avevano, secondo la storia raccontata, collocato i valori, è totalmente estranea al supposto accaduto: essa ebbe solo la sfortuna di vedersi requisire, in tutto o in parte, un edificio, che le apparteneva, da parte di forze militari di occupazione, risentendone ovviamente un danno.

La storia del trafugamento da parte di un autoctono non dà peraltro garanzie di attendibilità e sembra piuttosto una “leggenda eziologica” volta a spiegare le disponibilità economiche, superiori alla media del tempo, che consentirono al soggetto supposto autore del supposto trafugamento di effettuare acquisti immobiliari negli anni ’40 del ‘900; è una storia che non differisce, sotto questo punto di vista, da quella che, ad altra persona che seppe costruirsi una posizione benestante, attribuiva il ritrovamento di una “pignatta piena d’oro”. Secondo una spiegazione della genesi di siffatte storie, esse avrebbero, con il topos del ritrovamento fortunato, la finalità di dare una spiegazione semplicistica e volgare nel senso etimologico del termine al successo di persone dotate di maggiore intraprendenza.

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: